Serie delle Dame Fantasma

Inghilterra, 1816
Dopo aver trascorso diversi anni sul Continente, Lord Hemsworth torna in patria per incontrare Honoria, sua promessa sposa. Ciò che il Barone non si aspetta, però, è di scoprire nell’amica di lei un volto che gli è ben noto: è lo stesso viso che, da tanto tempo, lo affascina in un dipinto che ha inseguito per mezza Europa. Il legame, sconvolgente e inspiegabile, avvincerà entrambi, e conciliare i desideri del cuore e il senso dell’onore diventerà ben presto una vera battaglia…
Sarà Elspeth la donna che gli permetterà di espiare i delitti di cui si è macchiato?
Può il destino avere legato le loro anime fuori dal tempo?
Ma soprattutto, chi è la dama vestita di verde che tormenta i sogni e segue i passi di tutti loro, e che con i suoi sussurri reclama diritti sul Barone di Hemsworth e la sua stirpe?

Amore e fantasmi nell’Inghilterra dell’Epoca Regency.

La Dama in Verde costituisce il terzo volume (indipendente e autoconclusivo) della serie delle Ghost Ladies, le dame fantasma, iniziata con “La Dama in Grigio” e proseguita da “La Dama in Bianco”.

La dama grigia, fantasma collegato a creature infelici che ripercorrono antichi cammini; la dama bianca, spirito familiare e messaggero di tristi annunci nei grandi casati nobiliari; la dama verde, spettro generato da un destino tragico… e tre donne, ciascuna legata in modo diverso al soprannaturale, in un mondo ancora lontano dagli esperimenti medianici di epoca vittoriana.

Published:
Editors:
Genres:
Tags:
Excerpt:
Reviews:Lucy suAmazon ha scritto:

Bellissimo e coinvolgente romanzo che unisce con successo una ghost story ed un'appassionante e tormentata storia d'amore. Si svolge in epoca Regency ed è prevalentemente ambientata in un maniero inglese dalle atmosfere gotiche e cupe; la trama coinvolge particolarmente e mette una gran voglia di leggere d'un fiato fino in fondo per sapere come andrà a finire,mentre la descrizione dei luoghi, dei personaggi e delle loro vicende molto accurata, anche storicamente, riesce a far sentire il lettore come se si trovasse veramente nel castello, tra le nebbie inglesi d'inizio Ottocento,a provare con loro brividi ed emozioni. Lo consiglio a chi è appassionato di ghost stories di qualità e a chi ama i romanzi Regency e le atmosfere della vecchia Inghilterra. "La dama in verde" è una storia autoconclusiva ed indipendente, ma diversi personaggi sono "vecchie conoscenze" per chi come me già ha letto gli altri due romanzi sulle Dame fantasma ("La dama in grigio" e "La dama in bianco") che sono altrettanto piacevoli: è ancora più bello, quindi, leggerli tutti e tre, per conoscerli meglio!

Arianna suAmazon ha scritto:

Questo romanzo è una vera perla. L'autrice è riuscita a condensare le atmosfere tipiche del regency e l'elemento soprannaturale in una trama avvincente, dal ritmo serrato, che travolge il lettore dalle prime pagine. L'anno senza estate fa da sfondo a una vicenda dai toni cupi, ma da cui nascerà una meravigliosa storia d'amore. Incredibile la profondità di alcuni personaggi, la capacità di introspezione dei protagonisti, che li rende ancora più carismatici. Elspeth è una giovane donna di una forza d'animo incredibile, costretta sin dall'infanzia a reinventarsi ogni volta e a ricominciare tutto da zero senza il conforto di un affetto sincero. Ma ha un dono: quello di sentire, di percepire il mondo che le ruota intorno come se fosse un libro aperto. Elspeth _sente_, sente il dolore della Dama in Verde, l'afflizione del Barone, di cui riesce a scrutare l'animo sin dal primo incontro, percepisce l'inganno nei traditori, ma anche l'affinità di un cuore e una mente molto simili ai suoi, come nel caso di Amelia. Ecco, che bella sorpresa ritrovare Amelia e gli altri personaggi dei due romanzi precedenti! Certo, è un romanzo autoconclusivo ma penso si possa godere appieno della sua bellezza solo dopo aver letto gli altri due.
L'epilogo, per me che ho amato La Dama in Bianco, è stato impagabile. E alla fine della storia mi sono commossa.
Complimenti davvero e grazie per questo capolavoro.
Consigliatissimo!